L'ITALIA RIPARTE SOLO ATTIRANDO I RICCHI E I BRAVI E CACCIANDO I POVERI E INCAPACI


LEITMOTIV DI MERCATO

- la sterlina è il maggior beneficiario della vittoria di Trump..ma è presto per comprarla
- MOVIMENTO IMPORTANTE AL RIBASSO DELL'ORO E ARGENTO SOLO IN PARTE COMPENSATO DALLA FORZA DEL DOLLARO
- PETROLIO ANCORA DEBOLE MA RAME E METALLI INDUSTRIALI IN GRAN SPOLVERO.
- IL DOLLARO NON E' ANCORA COSI' FORTE COME LO ERA POCHE SETTIMANE FA...MA PORRE MASSIMA ATTENZIONE 1,05 E' VICINO
- I TASSI DI INTERESSE IN USA SONO SALITI MOLTISSIMO (2,13% IL DECENNALE)
- I TASSI SONO SALITI ANCHE IN EUROPA MA CON UNA IMPORTANTE DIVERGENZA....OVVERO L'ITALIA STA SUBENDO UN RIALZO MOLTO PIU' ACCENTUATO RISPETTO AGLI ALTRI PAESI (170 PUNTI E' LO SPREAD)

Se da un lato la salita del dow jones su nuovi massimi e' in parte giustificata dalla futura politica fiscale usa e dalla fuga dall'obbligazionario....dall'altro le aziende sono sempre piu' care...e si perde la correlazione fra tassi a valori azionari.  e' evidente che si stanno creando eccessi valutativi pericolosi che possono stare in piedi solo incaso di aspettative di forti rialzi di inflazione e di prezzi ...cosi' come dalla ipotesi di vera fuga dal mercato obbligazionario

IL NOSTRO EURO ....
occorre un euro debole per importare inflazione (specie da materie prime) . Con euro debole e materie prime molto care  le imprese europee non acquistano competitivita' sui mercati esteri  e quindi l'euro puo' scendere senza che la germania possa vendere di piu'!!!!e trump potrebbe fare bingo..

Share/Bookmark

3 commenti:

Anonimo ha detto...

I pagliacci al Governo vogliono spaventare gli italiani prima del voto.... adesso riparte lo spread...

Anonimo ha detto...

Il rame e metalli stanno già tornando all'ovile. Forse è stata un po' di speculazione da eccesso di liquidità e presto i bond torneranno a rendimenti decimali. Però se la politica di Trump fosse di rimuovere le sanzioni alla Russia e fare un passo indietro sulla Siria, allora si che la liquidità andrà sulle borse.

Alessandro ha detto...

Tranquillo Paolo abbiamo Juncker che ha capito tutto lui...