L'ITALIA RIPARTE SOLO ATTIRANDO I RICCHI E I BRAVI E CACCIANDO I POVERI E INCAPACI


STIMOLI FISCALI, TASSI E POVERA ITALIA

l'argomento del giorno non e' Trump ma lo stimolo fiscale !!!
e' da mesi che se ne parla e con l'arrivo del nuovo presidente diventa realta'!
Supponete che le tasse alle aziende diminuiscano del 10% ...e' evidente che i profitti aziendali possono aumentare, quindi l'america puo' anche competere con un dollaro piu' forte. Se poi al dollaro forte corrispondono MATERIE PRIME FORTI ....non solo i paesi emergenti sono avvantaggiati, ma anche l'europa che compra materie prime ne risulta svantaggiata.
insomma la corporate america potrebbe crescere in termine di profitti pur in presenza di dollaro forte se dovesse esserci uno stimolo fiscale
 ed ecco che prontamente arriva il solito membro della Fed che butta benzina sul fuoco del rialzo dei tassi in Usa
The Federal Reserve would likely raise interest rates more quickly if Washington enacted fiscal stimulus, Richmond Fed President Jeffrey Lacker said on Thursday, referring to prospects the incoming Trump administration could work with Congress to loosen fiscal purse strings.
  E ALLORA..IL DECENNALE USA VOLA AL 2,10% AFFOSSANDO I PREZZI DEI BOND SUL MERCATO OBBLIGAZIONARIO AMERICANO...E DEI FONDI OBBLIGAZIONARI CHE SUBISCONO PESANTI PERDITE
MA ANCHE IN EUROPA SOFFIA IL VENTO DI TASSI PIU' ALTI CON IL DECENNALE ITALIANO ARRIVATO A QUOTARE L'1.90% E IL TEDESCO RENDE LO 0,29%. lo spread è salito a 160 bps!!! Il rialzo dai minimi è pari a uno 0,50% sul bund tedesco e dello 0,8% sul btp italiano.
 INSOMMA IL DOLLARO PARE SEMPRE PIU' ORIENTATO A RAFFORZARSI E L'ORO VIENE PER IL MOMENTO ACCANTONATO...LE ALTRE MATERIE PRIME INVECE SALGONO E MANTENGONO TRANQUILLI I PAESI EMERGENTI

in europa il rialzo dei tassi viene salutato con gioia da draghi che ha a disposizione nuovamente una massa di titoli da comprare che fino a due mesi fa era impensabile.

In Italia volano i rendimenti dei titoli di stato e questo rialzo dei tassi fa male alle aziende con valorizzazioni molto alte (in quanto con i tassi piu' alti valgono di meno a parita' di utili) alle utilities (che si detengono nei portafogli solo per i dividendi, e per le aziende con alto debito. Alla grande invece la aziende manifatturiere e altro business in genere. anche le banche godono di questo rialzo dei tassi.
Per l'italia la situzione e' sempre difficile..il no a renzi e' quasi certo, Trump odia Renzi e fara' di tutto per cacciarlo via il prossimo anno

Share/Bookmark

9 commenti:

Anonimo ha detto...

Non credo che Putin odi Renzi.
l'America è in evidente declino.
I poteri dietro le quinte hanno voluto Trump per giustificare il necessario cambio di rotta nella politica estera fallimentare contrapposta alla Russia di Putin che in Siria ha dato una lezione ai Vaccari americani che ora possono ritirarsi senza perdere completamente la faccia.

Anonimo ha detto...

Voooola sterlina bianca voooola!!!!!!!!!!

Anonimo ha detto...

ma figurati
Trump non sa neanche chi sia Renzi e se vede la Boschi diventa il miglior amico di Renzi

Anonimo ha detto...

E non dimentichiamo il buon Putin che ora può gongolare alla grande.
E la sua vendetta si abbatterà per altro non contro gli USA, bensì contro i suoi ex sgherri (Paesi UE in primis).
L'Italia sarà il perfetto Agnello sacrificale e per l' Italiota medio del dopo referendum sarà il magnifico tacchino per Natale. Amen

Anonimo ha detto...

Togli pure il quasi, Paolo, sul no al referendum.
Io lo darei come scommessa 1 a 1000, ossia se vince il sì pagare 1000 euro per ogni euro puntato pro Renzi.

Anonimo ha detto...

Barnard ha detto che il dollaro si indebolirà' :-)

Anonimo ha detto...

Al massimo se vede la boschi...gli farà fare la stegista modello Lewiski......

Anonimo ha detto...

... la Boschi si .. a patto che non apra bocca o meglio .. che la tenga chiusa ... ehe he eh , e mi sembra che la moglie di Trump non faccia rimpiangere Maria Etruria Boschi ..
Tornando seri, Paolo, io credo che l'inflazione non la si fabbrica ! pertanto per farla salire veramente occorre coinvolgere il ceto medio con aumneti salariali, che possono produrre un aumento dei consumi, altrimenti non ci sarà nulla da fare ... cona la Cina nel Wto i salari si sono cinesizzati ed il gap è ancora molto ampio, e quindi anche un aumento delle materie prime è destinato a spegnersi ... se in tasca non mettono soldi in più, non si fanno consumi in più, anche perchè i debiti delle famiglie sono già al limite ...

Anonimo ha detto...

ANONIMO DELLE 15.07 HAI CITATO IN 2 PAROLE L'INCONTROVERTIBILE ANALISI DI MAZZALAI
SALUTI
CLAUDIO DA GENOVA