L'ITALIA RIPARTE SOLO ATTIRANDO I RICCHI E I BRAVI E CACCIANDO I POVERI E INCAPACI


CHE COSA E' ZCASH!

Zerocoins, i cugini di bitcoin che garantiscono l’anonimato

La nuova criptovaluta lanciata da ZCash rende impossibile risalire a mittente, destinatario e valore della transazione, AL PARI DEL CONTANTE O DELL'ORO O DEI DIAMANTI. finalmente lo stato, l'apparato burocratico, i controllori di un sistema malato e morente non potranno sapere e non dovranno sapere i miei dati personali. la proprieta' privata e' mia e lo stato non deve saperne nulla.
Cosi' era nei tempi..cosi' dovra' essere fra qualche anno.....
Una nuova criptomoneta invade il mercato. Si chiama ZCash cryptocurrency e supera i bitcoin in un aspetto soprattutto: le transazioni sono completamente anonime ed è impossibile risalire all’identità del mittente, del destinatario, come del valore della cifra scambiata. Tutto è possibile grazie a un nuovo tool per crittografare i dati, chiamato SNARKs, che non richiede che le parti coinvolte scambino informazioni.
Dietro il progetto c’è Zooko Wilcox, con alle spalle 20 anni di esperienza nella creazione di sistemi decentralizzati e nella sicurezza informatica. Secondo CoinDesk, ZCash ha raccolto finora 3 milioni da investitori (Digital Currency Group, Fenbush Capital e Pantera Capital, tra gli investitori) che hanno portato la startup a una valutazione di $32 milioni.

Si scrive ZEC si legge anonimato assoluto

ZCash somiglia a bitcoin in molti aspetti. È fondato su un database condiviso che registra le transazioni, la blockchain appunto, che è una catena che collega un esercito di computer in ogni parte del mondo. Ma si differenzia dai bitcoin per un aspetto decisivo: sarà completamente anonimo.
Anche gli scambi di bitcoin lo sono, in teoria. Ma la criptomoneta più famosa al mondo solleva, tuttavia, un problema. Tutta la sua storia è infatti pubblica e viene registrata sulla blockchain, a cui tutti i membri del network possono accedere. Le transazioni non riportano info sulle persone che controllano gli account. Ma se gli utilizzatori non sono all’erta, può capitare che il network analizzi i loro comportamenti, rivelandone le identità (non a caso sono nati servizi come Chainalysis che svolgono proprio questa funzione).
Zcash arriva laddove i bitcoin non sono giunti sul fronte dell’anonimato. Anche questo sistema ha una sua blockchain che registra ogni transazione effettuata, ma vengono nascoste tutte le informazioni su chi ha fatto la transazione e che cifra è stata spesa: «ZCash risolve il problema della privacy criptando ogni transazione. Per farlo usiamo nuovi standard di criptaggio che sono simili a quelli usati per proteggere siti, email e tutto quello che c’è su Internet», spiega Wilcox su Coindesk.

Cosa sono zerocoins e basecoins

Il sistema usa un protocollo che si chiama Zerocash, che offre sia criptomonete anonime, battezzate zerocoins, sia non anonime, i basecoins. L’uso del primo tipo di moneta virtuale consente alle parti coinvolte di avere info per verificare la sicurezza delle transazioni senza rivelare la propria identità nel processo. Gli utenti possono poi scegliere di condividere di svelare i propri dati solo con alcuni utenti selezionati: «Immaginate il caso di genitori che pagano gli studi del figlio con la criptomoneta. Quest’ultimo potrà decidere di condividere solo con loro le informazioni su come spende i soldi che gli vengono affidati», continua Wilcox.

I numeri di ZCash

La ZCash Company, la startup che controlla la criptomoneta, forma da imprenditori, sviluppatori e investitori, ha previsto un tesoretto di ZEC che andranno a favore di investitori privati, fondatori e non profit, che corrisponde al 10% dei “coins” disponibili. Il restante 90% dei “coins” potrà essere estratti dai miners, che dalla giornata di ieri possono installare il software e far partire la caccia al tesoro.
Sono 12.5 gli ZEC che attualmente potranno essere estratti per ogni blocco. Come nel sistema dei bitcoin ogni quattro anno (ovvero ogni 840 mila blocchi estratti) sarà previsto un halving che ne dimezzerà il valore (da 12.5 a 6.5, da 3.125 a 1.5625, e così via).
Intanto, analisti e investitori sono ottimisti sul valore futuro della criptomoneta. I più entusiasti stimano che il valore di 1ZEC potrà superare quello dei bitcoin alla fine di quest’anno. Il motivo secondo CoinDesk è che “gli investitori non si lasceranno sfuggire l’occasione di comprarli presto”. Il rischio che si corre infatti è di farlo troppo tardi, come è successo con gli ether che sono passati da un prezzo di 0,30 dollari a uno di 11,93 di oggi, un incremento di circa il 4,000%. O con i bitcoin che sono cresciuti da $0 a 685 dollari.

Share/Bookmark

4 commenti:

Anonimo ha detto...

Costa già più del bitcoin, o poco meno!

Anonimo ha detto...

Tra i fondatori c'è anche un italiano, Alessandro Chiesa di Varese.

Anonimo ha detto...

Sono partiti con prezzi allucinanti, in molti sostengono ci sia dietro un sistema "pilotato" per tenere il prezzo alto finchè ci sono polli che abboccano. Sicuramente, passato il primo periodo in cui c è un malus sulla produzione, i prezzi scenderanno notevolmente.

ML ha detto...

è ovvio che il prezzo scendera' al salire della produzione..ma presto si potra' shortare zcash...!!!