L'ITALIA RIPARTE SOLO ATTIRANDO I RICCHI E I BRAVI E CACCIANDO I POVERI E INCAPACI


13.000 LICENZIAMENTI VERRANNO ANNUNCIATI NEI PROSSIMI 5 ANNI - BANCO POPOLARE - BANCA POPOLARE DI MILANO

piangi? prenditela con quel cazzone di tuo padre che non ha dato retta a mercato libero!!!

dobbiamo tornare indietro di qualche anno quando MERCATO LIBERO utilizzo' tutte le foto possibili e immaginabili di bambini che piangevano nel suo estremo tentativo di avvisare centinaia di migliaia di bancari che stava per abbattersi su di loro una serie di licenziamenti di massa.
CHI MI HA SEGUITO HA AVUTO MODO DI CERCARE E TROVARE ALTRI LAVORI E OGGI PUO' STARE SERENO CON LA SUA FAMIGLIA.
purtroppo la maggior parte dei bancari e' PANTOFOLAIA..non e' abituata al cambiamento, anzi lo ritiene dannoso ...e quindi in questi anni si 'e seduta ...non ha cercato un nuovo lavoro una nuova occupazione...al massimo si e' lamentata su facebook per un basso salario...
EBBENE E' PROFONDAMENTE GIUSTO CHE QUESTE PERSONE PERDANO IL LAVORO E VENGANO EMARGINATE DALLA SOCIETA'.
in un sistema che cambia , che evolve, chi rimane indietro è triturato vivo..ma il nostro sistema garantista gli ha pure dato 6 o 7 anni per trovare soluzioni...adesso e' troppo tardi..
E I LORO FIGLI QUESTA VOLTA PIANGERANNO SUL SERIO..INFATTI CHI IN QUESTA CRISI PERDE IL LAVORO NON RIESCE QUASI MAI A TROVARNE UNO NUOVO E ALTRETTANTO DIGNITOSO..
E i figli perderanno la possibilita' di studiare come fece il papa' ..di andare in universita'..oppure faranno la lauerea breve in qualche universita' di serie b per poi essere assunti come specialized employee in un magazzino di amazon....
CHI SBAGLIA IN QUESTO NOSTRO SISTEMA.......E' GIUSTO CHE PAGHI E ADESSO TOCCA AI LAVORATORI DI BANCO POPOLARE E BANCA POPOLARE DI MILANO
13.000 ESUBERI IN 5 ANNI . CHI SCOMMETTE?

io sulle debolezze speculero' su queste banche che grazie a pesanti licenziamenti potranno recuperare un po' di redditivita'..e con loro tutte le altre banche italiane destinate a essere fuse o al bail in..
Alla fine 150.000 esuberi è un numero corretto...forse per difetto
Il problema, ha detto Renzi secondo quanto riferito, è che il numero di 328 mila bancari (tanti sono i dipendenti delle banche italiane) è sproporzionato. Secondo il premier, il mondo è cambiato anche nei servizi finanziari ed usa un’immagine familiare per descriverlo, portando ad esempio sua moglie che se prima si recava in filiale oggi fa tutto dallo smartphone. E da qui a 10 anni ci saranno 150 mila, 200 mila bancari.

E IL NUMERO E' CORRETTO..CHI SI FONDE TENDE AD ANTICIPARE...SE CI PENSATE BENE RENZI PARLA DI 200.000 PERSONE IN MENO SU 328.000, IL 65% IN MENO...IN 10 ANNI
PER LE DUE BANCHE IN QUESTIONE SCENDERE A 13.000 IN 5 ANNI E' AUSPICABILE..



Share/Bookmark

14 commenti:

Anonimo ha detto...


se si fossero cercati un lavoro diverso dal bancario, l'avrebbero trovato? visto che anche tu affermi: "INFATTI CHI IN QUESTA CRISI PERDE IL LAVORO NON RIESCE QUASI MAI A TROVARNE UNO NUOVO E ALTRETTANTO DIGNITOSO.."
Il problema non è legato allo specifico lavoro, il fatto è che con la tecnologia i posti di lavoro saranno sempre meno e la domanda di lavoro sempre di più, visto che la popolazione è in aumento esponenziale.
Nessuno affronta mai questo discorso però.

Anonimo ha detto...

Verranno accompagnati alla porta con gli ammortizzatori sociali,
se ne farò carico la banca e in parto lo stato,
non verranno licenziati, ma pre pensionati, che è differente,
sono proprio quelli più vicino alla pensione che sono una zavorra per la banca, sia dal punto di vista del costo, che dal punto di vista dell'elasticità mentale. Probabilmente a fronte di 13.000 prepensionamenti,
verranno assunti 5.000 nuovi giovani, con stipendi da operaio.

ML ha detto...

ai posteri

Forzutino ha detto...

Beh, considerando che nei prossimi 10 anni andrà in pensione anche la c.d. Generazione del Baby-boom, direi che con i semplici pensionamenti sarà coperta buona parte di questo 65%, agli altri...troveranno "scivoli agevolati".
Detto questo, è ovvio che le banche così come sono fatte ora non hanno futuro, tra la scomparsa del denaro a favore delle carte (ormai dato da molti come irreversibile) e lo sviluppo dei nuovi sistemi che (va reso onore a Barrai anche per l'opera di info sul tema) prenderanno piede, le Banche dovranno re-inventarsi un ruolo di sana pianta, offrendo in primis servizi per la casa a 360°, Real Estate. Sennò, semplicemente, scompariranno.

ML ha detto...

Tutti bravi adesso..quando feci la mia campagna anni fa tutti ridevano...
e comunque non credo che sia sufficiente prepensionare..la forza lavoro di riduce...grazie alla robotica..quindi prepensionare significa IMPOVERIRE

Anonimo ha detto...

Piuttosto gliela fara' l'Inps a reggere la botta?

Anonimo ha detto...

Ecco questo lo dubito fortemente anche io..

Anonimo ha detto...

Con l'esplosione della terza guerra mondiale anche questo problema diverrà irrilevante.

Francesco

Anonimo ha detto...

Che consigli davi a queste persone ?...di andare a lavorare in Svizzera ?...chi va all'estero a lavorare tra affitti alti e tenore di vita superiore arriva a casa con le tasche vuote...
Conosco tanta gente andata in Svizzera, ma sono tornati a casa in pensione piu' poveri di prima sperando che il padre abbia lasciato qualcosa in eredità...
Auguri Paolo anche per te..io sto in italia e non pago affitto !!

Anonimo ha detto...

La scienza e la tecnica creano strumenti per sostituire l'uomo nel lavoro.
La vera abilità sta nel guadagnare senza lavorare. Questo è il futuro.

Anonimo ha detto...

non c'e' bisogno che cambino lavoro. basta semplicemente continuare quello che hanno fatto fin'ora (se sono capaci), ma facendo gli interessi dei clienti e da questi farsi pagare. paura eh??

fbvi ha detto...

sembra gli esuberi siano 150k in dieci anni...ma pensate se arriva una nuova crisi molto prima e molto più forte del 2008/2009...credete che molte banche reggeranno....

Anonimo ha detto...

Il mondo cambia, la bassa manovalanza non serve più, 25 anni fa una grande banca in una filiale di provincia aveva 100 impiegati, dopo 2 fusioni con realtà altrettanto grandi, le più grandi a livello nazionale, oggi ha una filiale di 30 persone = circa 250 impiegati in meno ..... non festeggio, non sarà una cosa bella ma questa è la realtà, non accettarla è da folli. Cosa fare ? Io per non saper né leggere né scrivere ai bancari do un consiglio se non hanno alternative di lavoro: fidelizzate a voi (e non alla banca) i clienti che seguite, studiate, fate i loro interessi e non usateli per raggiungere i vari budget, conquistate la loro fiducia, siate seri e professionali, diventate il loro punto di riferimento, curate la relazione, guidateli a fare scelte che esulino dal vostro interesse di breve (es. Immobili all'estero, conti regolari all'estero anche presso altre controparti, etc), diventate dei veri consulenti indipendenti, non fatevi usare dalla banca/rete ma usatela come mezzo per conquistare la vostra indipendenza, in futuro, all'interno di questo mondo, la vostra forza contrattuale sarà data soltanto dalle relazioni "esclusive" che ognuno di voi sarà riuscito a costruirsi ...... saluti, Piel67

Anonimo ha detto...

Fino ad oggi hanno fatto bello e cattivo tempo ed hanno fregato tanta gente von i loro imbrogli,quindi se adesso li sbattono fuori i sono contento,devono morire di fame,è se ne vedro qualcuno a fare l elemosina gli sputero' in faccia.Paolo sei un grande.