RISCHIO BUONI POSTALI!!! CHI LI SOTTOSCRIVE NON CAPISCE UN CAZZO!!!


Moody's ha messo sotto osservazione il rating delle principali società pubbliche italiane per un possibile downgrade. Le società coinvolte, si legge in una nota, sono Enel, Eni, Finmeccanica, Poste e Terna...

attenzione al downgrade dei buoni postali...


I BUONI POSTALI FURONO IL SIMBOLO DEL BUON RISPARMIO. PER ANNI OFFRIVANO TASSI SUPERIORI A QUELLI DEI TITOLI DI STATO E ANCOR OGGI I VECCHI BUONI POSTALI (ANTE 1998) OFFRONO RENDIMENTI DA FAVOLA.

Purtroppo oggi il rendimento dei BUONI POSTALI FA LETTERALMENTE SCHIFO E CHI LI SOTTOSCRIVE NON CAPISCE UN CAZZO!!!

PERCHE'? SEMPLICISSIMO, ANDATE SU QUESTA PAGINA:
IL RENDIMENTO DI BUONO FRUTTIFERO POSTALE ORDINARIO

E vi rendete conto che un Buono Postale se lo tieni per 10 anni...ti offre un RENDIMENTO EFFETTIVO LORDO DEL 2,09%....
PENSATE CHE UN BTP RENDE PIU' DEL DOPPIO...

COME SI FA A COMPRARE CERTA CARTA SCHIFOSA?

MA DA OGGICOMPRARE UN BUONO POSTALE HA UN PERICOLO MAGGIORE, INFATTI MOODY'S HA MESSO SOTTO OSSERVAZIONE IL RATING DI QUESTE OBBLIGAZIONI...

se la possibilità di perdita nel detenere un'obbligazione aumenta E' GIUSTO CHE IL RENDIMENTO SALGA.

IL RENDIMENTO GIUSTO DI UN BUONO POSTALE A 10 ANNI ITALIANO OGGI E' IL 9%...fino a quel momento io non compro certi strumenti e a chi li ha in portafoglio consiglio di venderli!

-------------------------------------------------------------------------------------

RICORDO CHE LE PERSONE CHE HANNO I LORO SOLDI DEPOSITATI NEL CONTO CORRENTE DEL BANCO POSTA DA OGGI HANNO UN MAGGIORE RISCHIO NEL DETENERE SOLDI SUL CONTO....DI UNA BANCA CHE E' SOTTO OSSERVAZIONE DA PARTE DI UN'AGENZIA DI RATING PER UN'EVENTUALE DOWNRATING.

IL DEPOSITANTE DEGLI EURO E' UN CREDITORE DEL BANCO POSTA...DA OGGI DOVREBBE CHIEDERE DELLE GARANZIE REALI A FRONTE DEL DENARO CHE LASCIA SUL CONTO CORRENTE (che per la banca è un prestito) O UN TASSO PIU' ALTO DI RENDIMENTO.

AVETE CAPITO PERCHE' SI VUOLE ABOLIRTE IL CONTANTE.....COSI' TUTTI I SOLDI RIMARRANNO IMPRIGIONATI IN BANCHE COME IL BANCO POSTA...E QUANDO IL RATING SCENDE....IL CITTADINO RIMANE FREGATO!
Share/Bookmark

8 commenti:

Anonimo ha detto...

e chi detiene i vecchi buoni postali che hanno un rendimento a due cifre...è a rischio?

ML ha detto...

beh, tutto è a rischio nel mondo...ma almeno il rendimento offerto è corretto rispetto al rischio che ci si assume

Anonimo ha detto...

Ho sentito parlare di buoni fruttiferi postali svizzeri,chi mi sa dire qualcosa di piu?

Anonimo ha detto...

Paolo, io ne avevo parecchi ante 98 con un ottimo tasso e la scorsa settimana ho portato casa tutto!!! non so se ho sbagliato ma ho preferito metterli nel "fienile".............Grazie!

Anonimo ha detto...

Non so se dipende dal mio pc, ma da qualche settimana ho difficolta nell'aprire la pagina del blog, credo sia troppo "pesante", non si potrebbe ridurre le immagini o i video, il tutto è capitato specialmente dopo che sotto ogni articolo compaiono i link "ti potrebbero interessare".Ho linea adsl
Grazie
Alex

Luka78 ha detto...

Ciao Paolo, domanda molto semplice e chiara:
possedendo denaro sul libretto postale, rischio lo stesso oppure no?

Grazie tante e a presto.

Luca D'Amico

Anonimo ha detto...

Il problema non è se uno lascia i soldi sul conto o li porta nel fienile, il problema è il "valore" dell'Euro se la Grecia fa default. A parte l'inflazione galoppante "da importazione" (tipo Repubblica di Weimar degli anni trenta, quando il Papiermark veniva bruciato nei forni), e l'impennata dei prezzi del carburante che ci costringerebbe ad andare a cavallo, ci sarebbe il crollo delle banche e del settore immobiliare. I prezzi degli immobili scenderebbero sì, ma scende pure il valore del gruzzolo risparmiato, dunque il risultato netto è un impoverimento. A questo punto direi che la cosa migliore, per chi ha risparmi, è comprare un terreno o un immobile e vivere "di flussi", cioè degli stipendi volta per volta erogati (se ce ne saranno). L'oro è entrato in una bolla e ha la sua resistenza (come possiamo vedere) a quota 1900 e quando c'è un'economia di sussistenza il suo valore diminuisce rapidamente perchè non c'è l'industria orafa a sostenerlo. Insomma, all'"evento" ci si dovrebbe preparare non avendo troppo contante o titoli.

Anonimo ha detto...

Fra le vari ipotesi ovviamnte fantascentifiche relativamente ad un possibile situazione del tipo defult area euro io ipotizzerei anche una possibilita settimana emezzo di fuoco in cui vengono create le banconote euroitalia euro germania ecc, i contanti devono essere portati in banca per apporvi un timbro ed i conti congelati per il tempo necessario a liquidare le posizioni e trasformarle in europaese. Con accordi bilaterali tra i paesi area euro i conti intestati a stranieri verranno ritrasferiti alla banca d italia e trasformati in europaese. Accumulate tutto in monete e vi salvate.