L'ITALIA RIPARTE SOLO ATTIRANDO I RICCHI E I BRAVI E CACCIANDO I POVERI E INCAPACI


MA LO SAPETE COSA ACCADE SE LA CLINTON SI RITIRA DALLA CORSA ALLA CASA BIANCA???

 Che succede se un candidato alla Casa Bianca, per motivi di salute, è costretto a ritirarsi prima delle elezioni o anche dopo l'eventuale vittoria elettorale? 
 Nel caso della candidata democratica, le regole del suo partito garantiscono la gestione di una tale emergenza.
Lo statuto del Comitato nazionale democratico (Dnc) prevede che, nel caso di indisponibilità di uno dei due candidati del partito (alla presidenza e alla vice presidenza), il presidente del Dnc convochi una riunione di emergenza per la scelta di un nuovo candidato. La scelta viene effettuata secondo la maggioranza dei presenti.
Altro scenario è quello nel quale un candidato alla Casa Bianca sia costretto al ritiro dopo che si sono svolte le elezioni, ma prima del giuramento come nuovo presidente.
 Se il ritiro avviene nel lasso di tempo che intercorre tra le elezioni e la riunione del Collegio elettorale degli Stati Uniti d'America, il corpo costituzionale di 538 grandi elettori che formalmente elegge il presidente e il vicepresidente Usa, entra in gioco la legge federale.
La legge prevede che i 538 grandi elettori, che si riuniscono ciascuno nella capitale dei rispettivi Stati il lunedì dopo il secondo mercoledì di dicembre (quest'anno il 19 dicembre), possano votare per chiunque desiderino. I vari stati hanno però la facoltà di varare proprie leggi al riguardo.
Infine, se un candidato alla presidenza dovesse vincere le elezioni, ma rinunciare alla carica prima dell'Inauguration Day del 20 gennaio, la questione è risolta secondo quanto stabilito nel Ventesimo Emendamento alla Costituzione. In questo caso, infatti, a diventare nuovo presidente degli Stati Uniti sarebbe il vice presidente eletto.

Share/Bookmark

8 commenti:

Anonimo ha detto...

quindi anche lì la democrazia è una farsa visto che verrebbe eletto uno non votato dai cittadini
fortuna si definiscono la più grande democrazia, talmente grande che non sono previste nuove elezioni prima della scadenza dei 4 anni. Pare la repubblica Cinese

Anonimo ha detto...

John Kerry presidente. Se le borse tengono fino a novembre.

Anonimo ha detto...

Quindi potrebbe succedere quello che è successo in Italia con Monti (poteri forti.. Elit ... Che mette al comando chi vuole)

Anonimo ha detto...

kennedy torna un kennedy!

comunque il papa ratzinger sta insegnando a parecchia gente....ARROCCO!

Anonimo ha detto...

Anonimo delle 18.58
Si chiama "dittatura elettiva"

Anonimo ha detto...

eh paolo..sempre con il raffredore....Speriamo passi

Anonimo ha detto...

Succede che i democratici trovano un candidato all'altezza e per il biondo diventa un casino..

Domenico ha detto...

Il biondo non è interessato a farsi eleggere. E' solo uno stunt commerciale...