L'ITALIA RIPARTE SOLO ATTIRANDO I RICCHI E I BRAVI E CACCIANDO I POVERI E INCAPACI


LA SEMESTRALE DI FINECO..LA MIGLIORE DI SEMPRE MA SOLO GRAZIE AL TRADING DI PROPRIETA' E A TASSAZIONE MOLTO PIU' BASSA

 FINECO DATI SALIENTI DALLA SEMESTRALE:
1) LA RACCOLTA DI MASSE GESTITE E IN CUSTODIA  NON SALE
2) SALE LA RACCOLTA DI LIQUIDITA'
3) LA REDDITIVITA' DEL MARGINE DI INTERESSE E DELLE COMMISIONI NON AUMENTA
4) LA BANCA HA MIGLIORATO I RISULTATI SOLO GRAZIE A DUE FATTORI
A) UTILI DA TRADING PROPRIETARIO
B) MINORE TAX RATE
INSOMMA QUESTO BUSINESS NON E' IN CRESCITA ANCHE SE L'UTILE NETTO SI
 l'11 luglio Unicredit ha venduto il 10% di Fineco al mercato portando a casa 5,4 euro. oggi il titolo ha chiuso a 5,11. Chi ha messo in pancia questo titolo è gia' sotto di un 5% in tre settimane
FINECO CAPITALIZZA A OGGI 3,1 MILIARDI. 
UTILI PREVISTI PER FINE ANNO INTORNO AI 200 MILIONI
p/e 15,5
RISCHI MAGGIORI: 
-BOND UNICREDITO IN PANCIA PER 12 MILIARDI 
-possibile collocamento sul mercato di un'altra tranche
-euro rottura con ritorno alla lira
rerating del titolo investitori considerano questo business piu' rischioso e pretendono un p/e piu' basso per investire (per esempio un p/e pari a 12, il che equivarrebbe a valutare Fineco intorno a 4 euro)
 eppure i dati di ieri evidenziano la miglior semestrale di sempre IN PRIMA LETTURA...
merita una maggiore analisi

1) i clienti di fineco lasciano liquidita' su conti correnti (depositi) per la cifra record di 16,9 miliardi di euro (16,5 miliardi nel primo trimestre)
2)Gli utili da interessi scendono all'1,33% ma essendo aumentata la liquidita' i profitti rimangono in linea, in legero rialzo
3)COMMISIONI DI TRADING IN NETTO CALO RISPETTO A UN ANNO FA (attivita' non in crescita..anzi in contrazione)
4) COMMISSIONI GESTIONE /FONDI stabili da 18 mesi (attivita' che non cresce)
5) LA VOCE TRADING PROFIT DELLA BANCA E' QUELLA CHE FA LA VERA DIFFERENZA FRA IL 2015 E IL 2016 . I PROFITTI DERIVANTI DA TRADING DI PROPRIETA' SONO PASSATI DA 28 MILIONI A 47 MILIONI
-AUM asset under management sono stabili a 25,9 miliardi di euro
-AUC asset aunder custody sempre stabili a 12,8 miliardi di euro
-aumento dei depositi (in 18 mesi sono aumentati di 2,7 miliardi a 16,9
DA QUI SI EVINCE CHE 
1)LA BANCA NON FA RACCOLTA NUOVA CHE GENERA COMMISSIONI ma aumenta solo la liquidita' (E QUESTO DA OLTRE 18 MESI)
2) LA BANCA TENTA DI MASSIMIZZARE L'UTILE DA INVESTIMENTO DEI DEPOSITI DEI CLIENTI SIAMO A 121 MILIONI IN SEI MESI (114,8 NEI PRIMI SEI MESI DELLO SCORSO ANNO)
dal lato dei costi notiamo una certa costanza, tranne nell'ultimo trimestre dove assistiamo a una contrazione di un paio di milioni
Il vero regalo arriva dalla voce tasse. Infatti nel 2016 il TAX RATE e' decisamente inferiore rispetto allo scorso anno e quindi il risparmio fiscale si sente con un utile netto che sale per merito di minori uscite fiscali
Il Cet1 sale al 22,68.....sempre piu' in alto..peccato che....siano ben 12 i miliardi di euro investiti da parte di Fineco in bonds Unicredit.....(in linea con il trimestre precedente)
Insomma cari correntisti di FINECO voi non dovete assolutamente guardare il cet1 di fineco ma il cet1 di UNICREDIT. Se Unicredit avese un problema e i bonds venissero ristrutturati FINECO SALTEREBBE ....o non sarebbe in grado di restituire la liquidita' ai correntisti...

Share/Bookmark

2 commenti:

Anonimo ha detto...

https://www.facebook.com/paolo.barrai.3/posts/154816281615134
se succede in itaglia che sanno fare gli italioti ...?

Anonimo ha detto...

utili=investimenti, investimenti=battere la concorrenza, Fineco tempi d'oro...ritorno anche al business mutui, e chi li ferma più? Ops, Unicredit, certo!!!