L'ITALIA RIPARTE SOLO ATTIRANDO I RICCHI E I BRAVI E CACCIANDO I POVERI E INCAPACI


UNICREDIT VENDE IL 10% DI FINECO AI VALORI MINIMI DEGLI ULTIMI 18 MESI - OTTI MO TEMPISMO.


1) Salta per il momento la fusione di Pioneer con l'asset management di santander (per i timori creati con la Brexit)
2) Fineco viene ceduto il 10% sul mercato a un valore che e' il piu' basso degli ultimi 18 mesi. (ottimo tempismo) - unicredit scende al 55,5%
SI PUO' LEGGERE IN DUE MODI QUESTA CESSIONE:
1) Da un lato chi compra sta comprando 11,5 miliardi di obbligazioni Unicredit in pancia a Fineco. Solo il becero mercato puo' assumersi questo rischio senza pretendere un cambio di strategia nella diversificazione del portafoglio della tesoreria (nessuna azienda sarebbe cosi' pazza di accettare un simile rischio)
2) unicredit si priva di una fetta di una societa' che fa utili per coprire i buchi e attivita' che non generano rddito
l'incasso è assolutamente limitato, si parla di soli 330 milioni..una goccia nel mare..
guardando i dati di giugno di fineco si denota ancora una forte raccolta netta di Fineco e una grande capacita' di far comprare prodotti di consulenza e di investimento guidato dove la banca LUCRA COMMISSIONI PIU' ALTE e l'investitore è penalizzato 

 ecco GHIZZONI ex unicredit a novembre...su Fineco
 Milano, 11 nov. (askanews) - "Fineco non è assolutamente in vendita né come quota di minoranza né come intera azienda". È quanto ha ribadito l'amministratore delegato del gruppo UniCredit, Federico Ghizzoni, nella conferenza stampa tenuta dopo il cda sui conti dei nove mesi e sul nuovo piano industriale al 2018. "Perché mai dovremmo cedere Fineco, che è l'asset che sta crescendo di più nel gruppo e che non assorbe capitale?", ha domandato retoricamente Ghizzoni.
ESATTO PERCHE' MAI VENDERE LA GALLINA CHE FA LE UOVA? SEMPLICE PERCHE' SONO MESSI MALE ....


Share/Bookmark

1 commento:

Anonimo ha detto...

La quota è stata venduta a 5.4 euro