L'ITALIA RIPARTE SOLO ATTIRANDO I RICCHI E I BRAVI E CACCIANDO I POVERI E INCAPACI


ATLANTIA METTE IN VENDITA UNA QUOTA DI ASPI - COSA BOLLE IN PENTOLA? ATLANTIA SPECULATIVAMENTE DA GUARDARE


http://930e888ea91284a71b0e-62c980cafddf9881bf167fdfb702406c.r96.cf1.rackcdn.com/data/tvc_b1fbd3c69ae73b60dff9eb5518033db5.pngbenetton vuole cedere una quota di ASPI (autostrade per l'italia) la cui concessione scade nel 2038 per investire all'estero.
Anche lui non vuole assolutamnte credere nell'italia e neppure in un settore OLIGOPOLISTA come le autostrade...(per ora cash cow)
ma quanto puo' valere la cessione di una quota di minoranza di Autostrade per l'Italia dell'ordine del 30% del capitale. Dalla concessionaria giungono già risorse di peso e l'emissione di bond del gruppo ha già ravvivato l'attenzione dei mercati. Adesso serve un socio che possa finanziare una nuova fase di sviluppo per la società con 3,8 miliardi di euro di ricavi e 2,3 miliardi di ebitda. Se dei 20 miliardi di euro del valore di Borsa di Atlantia, almeno 15 sono riferibili – come evidenzia CorrierEconomia - ad Autostrade, allora il 30% della società potrebbe valere circa 5 miliardi di euro.
Sembra che anche in questo caso il partner cercato debba essere interessato alle caratteristiche di un business regolato che regala dividendi dell'ordine del 4% delle cedole distribuite da Atlantia.
PER IL MOMENTO IL TITOLO NON HA ANCORA ROTTO I MASSIMI DELL'APRILE 2015 CONFERMATI IN AUTUNNO. la rottura proieterebbe il titolo verso i 30 euro ...se accompagnata da una iniziativa imprenditoriale di reinvestimento di questa piccola montagna di miliardi


Share/Bookmark

Nessun commento: