L'ITALIA RIPARTE SOLO ATTIRANDO I RICCHI E I BRAVI E CACCIANDO I POVERI E INCAPACI


18 GIORNI DI PASSIONE SUI MERCATI

IL RECENTE RECUPERO DEGLI INDICI AZIONARI AMERICANI ED EUROPEI ANTICIPA POLITICHE QUANTITATIVE CHE ...POTREBBERO NON ACCADERE..
E POTREBBERO ESSERE PROPRIO DRAGHI (10 MARZO) E YELLEN (16 MARZO) A FAR SCENDERE DEI MERCATI BALDANZOSI E CON TROPPE ATTESE
sara' anche divertente vedere cosa accade fra il 17 e il 18 marzo..giornate di sistemazione per le importanti scadenze tecniche del primo trimestre dell'anno
certo e' che pensare di vedere salite dei mercati ..è sempre piu' difficile..a meno di una manovra globale e concertata di tutte le banche centrali (che sosterrebbero il mondo intero senza dare pero' un vantaggio a nessun paese specifico e porterebbero i tassi pesantemente in negativo...forse avrebbe un senso economico...ma politicamente diventa difficile da digerire per i singoli governi)
  IERI DUE BELLE NOTIZIE DAGLI USA...
1) Compromessi case esistenti Usa -2,5% a gennaio, sotto le stimeA gennaio i compromessi per la vendita di case esistenti degli Stati Uniti si sono attestati in ribasso. Il rialzo dei prezzi e la diminuzione delle case disponibili ha messo il freno alla domanda. Il dato, riportato dall'associazione di settore National Association of Realtors, è sceso del 2,5% a 106 punti, dopo i 108,7 punti di dicembre (rivisto al rialzo dai 106,8 punti della prima stima). Gli analisti attendevano un rialzo dello 0,5%. Un valore di 100 punti è considerato dal Nar "normale" o equilibrato rispetto all'attuale popolazione americana. E' pari alla media del 2001. Il dato è in aumento dell'14% rispetto a gennaio 2015, il diciassettesimo rialzo annuale consecutivo. "La recente accelerazione dei prezzi e le minime case disponibili nel Paese sembrano essere l'ostacolo principale per i potenziali acquirenti", ha detto Lawrence Yum, capo economista del Nar. Una lettura sopra i 100 punti, equivale alla media dell'attività nel 2001 ed è associata a un'attività di mercato "normale", o comunque equilibrata. 
 
[Chart]
2)  Nel mese di febbraio, l'indice PMI Chicago (destagionalizzato) si è attestato a 47,6 punti dai 55,6 del mese precedente, risultando al di sotto del consensus degli analisti che avevano stimato un calo più contenuto fino a 53 punti.Il dato, che è stato comunicato dall'ISM di Chicago, torna sotto la soglia critica dell'espansione: il livello dell'indice al di sopra di 50 punti denota un'espansione mentre un livello al di sotto dei 50 punti indica una contrazione del settore manifatturiero statunitense.
 
 

Share/Bookmark

5 commenti:

Anonimo ha detto...

Buongiorno. Secondo me la tirata di stamattina (specie del dax) è una trappola, da oggi si riprende a scendere per qualche giorno. F79

Anonimo ha detto...

non avete ancora capito che proprio la discesa scontava questi dati...siete sempre in ritardo...ora il mercato può solo risalire...statene certi!

Anonimo ha detto...

La cosa più bella,oltre a salire senza vere notizie economiche,(tutte recessivi da (panic sell)mancano i volumi. Dettagli,finché l itagliano capirà che allargando i debiti di BCE e FED,non si risolverà niente,se non agonia ulteriore. I mercati USA sono follemente manovrati,e chi è lì adesso vuole uscire senza stampelle.Poi l inevitabile accadrà, e noi saremo sul fiume. I MULTIPLI AMERICANI non giustificano questa corsa. SP OGGI SAREBBE A 700 PUNTI,IN PIENA RECESSIONE.

Anonimo ha detto...

ma da quando i mercati salgono se l'economia va bene? Forse il contrario...ricordatevi che la borsa anticipa sempre l'economia reale...

Anonimo ha detto...

Stanno iniziando le ricoperture sui bancari.... se tutto va come secondo previsioni la risalita sarà molto violenta..Vedo molto bene Ubi per me prima di agosto la vediamo a 10...