L'ITALIA RIPARTE SOLO ATTIRANDO I RICCHI E I BRAVI E CACCIANDO I POVERI E INCAPACI


1,4% DI PIL E' SPORCO MA NON DEL TUTTO...NON CI RESTA CHE ATTENDERE LE TRIMESTRALI

apparentemente il dato sul PIl USA piu' alto delle attese puo' apparire accattivante...e rassicurante...
 La crescita in america è stata dell'1,4% e non dell'1%..il miglioramento e' imputabile alle maggiori spese da parte dei consumatori rispetto a quanto stimato in precedenza...Non c'e' male ..o NO!!!
Tuttavia i profitti aziendali sono crollati dell'11,5% rispetto allo scorso anno (il calo piu' consistente mai avvenuto in questi otto anni ..dal famoso  -31% alla fine del 2008 post lehman)
Se poi consideriamo l'intero 2015 gli utili prima delle tasse sono scesi del 3,1%..il dato peggiore da sette anni. Storicamente, ogni qualvolta i profitti scendono in questo modo....l'economia nei mesi successivi è destinata a calare e si inizia una recessione.....le aziende infatti sono obbligate a LICENZIARE  E RIDURRE GLI INVESTIMENTI

A onor del vero se non consideriamo i 20,8 miliardi di dollari pagati dalla BP per il disastro del 2010..la discesa degli utili si riduce a un piu' modesto - 7,6%). 
Inoltre l'industria del carbone e del petrolio sono state di gran lunga le piu' colpite (per colpa del prezzo del petrolio) e questo tende a rassicurare sul futuro dell'economia Usa...anche se gli effetti benefici che la discesa del petrolio dovrebbe avere sul resto dell'economia ..in realta' non si sono visti..(o meglio l'effetto benefico e' il non peggioramento..)
PER SAPERNE DI PIU' NON CI RESTA CHE OSSERVARE LE TRIMESTRALI USA CHE ARRIVERANNO A PARTIRE DALL'INIZIO DI APRILE. apparentemente gennaio e febbraio sono stati mesi difficili per l'economia Usa e i risultati potrebbero essere non buoni...mentre il mercato azionario e' gia' tornato ai valori di inizio anno...
I tassi di interesse sul decennale Usa invece sono scesi fino al minimo di 1,65% per poi rimbalzare all'1,90% (e questo con il petrolio che è passato dai 27 dollari ai 40)
insomma il trend al momento pare intatto....le materie prime cercheranno di essere sostenute per generare un po' di inflazione (ma un ulteriore affondo non e' da escludere..visto il recente rally), i tassi usa di breve cercheranno di essere impostati al rialzo e molti punteranno ad aprile...in realta' si dovra' vedere se le materie prime non ritracceranno troppo e con loro i mercati azionari e se lo yuan dovesse svalutare...IN QUESTO MODO L'AUMENTO DEI TASSI USA A BREVE sara' spostato a data da decidere e i rendimenti del  decennale USA potranno tornare a scendere..(in questo contesto il dollaro rimarra' deboluccio verso euro e l'oro continuera' a essere bene rifugio dopo una correzione - in atto)
http://930e888ea91284a71b0e-62c980cafddf9881bf167fdfb702406c.r96.cf1.rackcdn.com/data/tvc_ae91b93fd4a8fa0f5a02d725d6484151.png

Share/Bookmark

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Continuo a dirvi da tanto tempo di seguire LOW e HD che sono sempre intorno ai massimi e quindi tutto bene negli USA perche' sono i pilastri dell'economia statuniteste. Quando incominceranno veramente a calare allora sono dolori per tutti.

cesare

Anonimo ha detto...

E cosa diavolo sono LOW e HD? : ))
(scusate l'ignoranza!!)