L'ITALIA RIPARTE SOLO ATTIRANDO I RICCHI E I BRAVI E CACCIANDO I POVERI E INCAPACI


LA CADUTA DELLA MERKEL DAL TRONO DI BERLINO E DELL'EUROPA CREA SERI PROBLEMI ALLA CONTINUITA' DELL'EUROPA STESSA

- LA MERKEL E' DIVENTATA VERAMENTE POCO POPOLARE. ALL'EUROPA NEI PROSSIMI MESI RISCHIA DI MANCARE UN LEADER..E COMUNQUE LA SUA LEADERSHIP E' MESSA A DURISSIMA PROVA SIA A BERLINO CHE NEL RESTO DELL'EUROPA (persino Renzi ha alzato la cresta aultimamente)
- LA CADUTA DELLA MERKEL COMPORTA L'AUMENTO DELLO STIMOLO ALLE RICHIESTE DI AUTONOMIA DEI SINGOLI PAESI IN EUROPA (a partire dalle elezioni in francia, 2017 e alla situazione in spagna- catalogna)
- IN EUROPA CI SONO VENTI DI BLOCCO ALLA LIBERA CIRCOLAZIONE DELLE PERSONE ...SI CREANO MURI, FILI SPINATI, SI CANCELLA SHENGEN...SI RIAPRONO I CONTROLLI ALLE FRONTIERE..
-TUTTO QUESTO E' PRELUDIO AL BLOCCO ALLA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI CAPITALI (CHE IN GRECIA E' STATA GIA BLOCCATA DA MESI)
- LA CRISI ECONOMICA NON DEMORDE, PEGGIORANDO LA SITUAZIONE COMPLESSIVA IN AREA EURO

LEGGETE QUA DI SEGUITO L'ULTIMO ARTICOLO DI  EUGENIO SCALFARISEGNO DEI TEMPI...
In Germania la Cancelliera MERKEL ha compiuto un errore dietro l'altro. Il primo.....(CONTINUA)




 sembrò - e probabilmente lo era - un atto che restituiva all'Europa la sua dignità di presidio della civiltà occidentale: aprì la porta ai rifugiati che fuggivano dalla guerra in Siria, dalla morte, dalla fame, dalla schiavitù. Un milione di immigrati arrivò in terra tedesca trovandovi sostegno e - almeno in parte - anche lavoro. Ma quella pacifica invasione non piacque affatto agli alleati bavaresi della Cdu, il partito della Cancelliera. La destra tedesca si manifestò contro la Merkel anche in Parlamento. Gran parte del ceto medio si schierò contro di lei ad un anno e mezzo dalle prossime elezioni politiche.

Per evitare il peggio la Merkel bloccò - temporaneamente - ogni ulteriore ingresso di immigrati e proclamò che avrebbe espulso tutti quelli che non avessero rispettato le leggi vigenti. Ma, come se tutto ciò non bastasse, ci furono le turpi notti di Colonia e di Amburgo, l'assalto di centinaia di facinorosi alle donne che passeggiavano nel pieno centro della città, a Colonia specialmente tra il duomo e la stazione ferroviaria centrale. Palpeggiamenti lubrichi, borseggio, stupri, con la polizia incapace di fronteggiare un episodio che dir turpe è dir poco. La Merkel in questo momento si trova nel punto più basso della sua popolarità, con ripercussioni inevitabili nei confronti delle Autorità di Bruxelles. Tutto ciò non fa che stimolare l'autonomia dei singoli Paesi membri dell'Ue con le conseguenze che questa situazione comporta.

Nel frattempo altri Paesi, per bilanciare il flusso inevitabile di immigranti, hanno eretto muraglie di cemento e di filo spinato nonché le polizie di frontiera e addirittura l'esercito: la Polonia, l'Ungheria, la Repubblica Ceca, la Slovacchia, la Romania, la Slovenia, la Danimarca, la Svezia e perfino la Francia. Il trattato di Schengen che aveva abolito i confini interni tra le Nazioni europee, di fatto non esiste più anche se Bruxelles proclama che è tuttora pienamente valido ma soltanto temporaneamente sospeso. Parole. Allo stato dei fatti non lo è, ma se l'ipotesi della sua piena ripresa non avrà luogo entro i prossimi tre o quattro mesi, l'Europa come Unione non esisterà più proprio nel momento in cui la buona stagione farà riprendere massicciamente i viaggi per mare. L'emigrazione, come più volte ha detto papa Francesco, non si fermerà, perché nella società globale tutto si muove a cominciare da interi popoli. Dalla fame e dalla schiavitù, gli individui, le famiglie e popoli interi vanno verso il benessere. Durerà almeno cinquant'anni questo fenomeno e nessuno potrà fermarlo. Ma il primo effetto non è quello dell'accoglienza, ma del respingimento, sicché la politica si sta spostando: emerge l'indifferenza e nel contempo reggono partiti e movimenti di destra con tutto quel che ne segue.
Immigrazione a parte, la Spagna non è riuscita a formare un governo dopo le elezioni e voterà di nuovo nei prossimi mesi. Portogallo e Irlanda si trovano in pessime acque. La Grecia è in grave difficoltà.
Questo è il panorama. Dire che è pessimo è ancora dir poco.

Share/Bookmark

10 commenti:

Anonimo ha detto...

Oddio !!...incuti terrore nei tuoi articoli...altro che Maria Davide!!

Anonimo ha detto...

Ma che importa della Merkel, si fanno ottimi rendimenti con le obbligazioni sub di primarie banche e con obbligazioni corporate senza stress e senza subire volatilita' dei mercati azionari.

Anonimo ha detto...

Chi ha le palle adesso incrementa le posizioni.
Il mercato è degli istituzionali.

Anonimo ha detto...

Mmha.
La politica è i vari leaders che si succedono servono solo a dare ai popoli pecoroni l'illusione di potere scegliere chi li deve governare.
La Grecia insegna che chi comanda è altrove e ha tutto l'interesse ha mantenere in piedi questo sistema finanziario.
Ogni scossone dei mercati quindi diventa un'occasione per comprare.
Questa è solo la new normality.
Ave

Anonimo ha detto...

Prendete in giro Mariadavide? Provate a ragionare su tutto quello che ha detto, oltretutto con umiltà e grande gentilezza.





Doge ha detto...

E intanto gli indipendentisti Catalani hanno trovato un accordo per il loro governo secessionista, mentre il Governo spagnolo naviga in alto mare e con le balle di Rajoy che verranno a galla....vero che la finanza sceglie i camerieri, ma quando i clienti non hanno soldi per andare al ristorante anche i camerieri diventano inutili...

Anonimo ha detto...

No...tanti hanno nostalgia di Maria Davide...l'apice dei consigli era quello di fare scorte di terra e di cibo....ho 20 sacchi di terra humus in cantina e non so che farne...

Anonimo ha detto...

No.. l'apice dei consigli...e' una fede forte..in Cristo!
Mariadavide

Anonimo ha detto...

Maria Davide ma perche sei affezionato a questo blog? almeno dacci qualche consiglio pratico... io ci credo in Gesu ma qui vorrei sapere anche qualche consiglio...

Anonimo ha detto...

Perché' qui' c'è' bisogno...
Mariadavide