UNA VOLTA NELLA VITA CAPITA LA GRANDE OCCASIONE! CARPE DIEM!


CADUTA LIBERA DEL FRANCO SVIZZERO CONTRO EURO MA....

Ma la vera opPortunita' e' vendere franco svizzero contro un'altra valuta.....cosa che GLI ABBONATI DI WMO HANNO FATTO A INIZIO SETTIMANA.

Share/Bookmark

5 commenti:

Anonimo ha detto...

Aveva ragione anche RC sua maestà Re buffo allora?
Con l'investimento in yen come si va?

Anonimo ha detto...

una parolina per chi è lungo yen

Anonimo ha detto...

Con il tracollo di Russia e Brasile l’acronimo Brics ha ormai poca rilevanza nell’individuare quali sono, al momento, i mercati emergenti sui quali stanno puntando i principali fondi d’investimento. Bisogna, dunque, segnarsi una nuova sigla: Ticks. Che sta per Taiwan, India, Cina e Korea

http://www.wallstreetitalia.com/wp-content/uploads/2016/01/ftcople1-640x450.jpg

Anonimo ha detto...

Il 2016 sarà l’anno della volatilità e il guru degli investimenti Mohamed El-Erian ritiene che ormai nessuna asset class sia più sicura in un contesto difficile da decifrare come quello attuale. È pertanto giunto il momento di avere quasi un terzo del proprio portafoglio investito in contanti.

Il cash è una classe di asset sottovalutata, nonché il miglior modo di sopravvivere in un anno che si preannuncia molto nervoso e altalenante per gli investitori, secondo l’ex Ceo del maggiore fondo obbligazionario al mondo, Pimco.

“Se vi rivolgete a un consulente di investimenti vi dirà che il cash è un investimento sprecato”, ha detto a CNN Money El-Erian, chief economic adviser di Allianz. “Io non la penso così”.

Se le previsioni sono queste, detenere il 25-30% del proprio patrimonio in contanti è allora il consiglio di El-Erian: “non sottovalutate il potere che offre l’avere cash in portafoglio, ti consente di avere agilità e ti dà anche una certa resistenza”.

“La risposta a un mercato molto volatile è quella di vendere tutto. Quando si vende tutto indistintamente, di solito lo si fa allo stesso tempo”.

ML ha detto...

Hermann...tornato a livello di inizio anno...Come il dollaro...Petrolio che sale emergenti che recuperano crollo del franco svizzero..tutto sommato non vedo grossi scossoni...ne in brutto ne in bello..e.voi?..portafogli bilanciati e con rischi controllati..oggi per noi è meglio di ieri...e per te ?