UNA VOLTA NELLA VITA CAPITA LA GRANDE OCCASIONE! CARPE DIEM!


IW BANK ..NON SOLO TRADING E CORSI PER SCALPER..MA DIVENTA FAMOSA ANCHE PER CORSI PRATICI SU COME COME RICICLARE IL DENARO...

questo di UBI BANCA e di IW BANK sembra uno scandalo di quelli seri seri....AVEVAMO VISTO GIUSTO NOI ANNI FA A SELEZIONARE LA SANA FINECO AL POSTO DELLA DISCUSSA E DISCUTIBILE BANCA ONLINE DI BAZOLI..LA FAMIGERATA IWBANK.
leggendo gli articoli sui giornali..riguardo lo scandalo IWBANK vi voglio fare un esempio...
vi spiego una operazione molto semplice...se una persona o una societa' apre un conto a XXBANK e deposita 5 milioni di euro....e contemporaneamente uno societa off shore a HONG KONG apre un conto con 500.000 euro presso un broker estero come per esempio XXMARKETS o come INTERACRIVE BROKER...e comincia a fare trading vediamo cosa accade..
supponete che usando i derivati e la leva il cliente di XXBANK apra una posizione per 10 milioni di euro su un titolo azionario o su future ecc ecc...e contemporaneamente con un altro computer (magari sempre a Torino o a Roma) apre con la societa' off shore una posizione uguale e contraria....
e lo fa in un momento di forte direzionaita' del mercato....ecco cosa accade:
1) Prima di tutto il cliente non perde in quanto su un conto guadagna e sull'altro perde..
2) se investe in tendenza e' facile che a fine giornata sul conto italiano possa generare una minusvalenza importante ...e sul conto off shore presso il broker..una importante plusvalenza NON TASSATA DA CAPITAL GAIN
3) in questo modo a fine giornata 100.000 euro o 200,000 euro sono andati da un conto italiano a un conto straniero tramite gli INVESTIMENTI E TRAMITE PIATTAFORME DI TRADING.
IN PRATICA SI E' RICICLATO DEL DENARO....E LO SI E' SPOSTATO SENZA LASCIARE TRACCE BANCARIE DA UN PAESE COME L'ITALIA A UNO OFF SHORE.
4) SE L'OPERATIVITA' DURA MESI..ALLA FINE SI POSSONO SPOSTARE MILIONI DI EURO SENZA RISCHIO
5) se uno dei conti (quello italiano) è aziendale....si generano perdite importanti che evitano alla societa' di pagare tasse sul reddito di impresa e spostano capitali ESENTASSE in paesi lontani
PARE CHE XX BANK SIA FAMOSA PER AVER PERMESSO OPERAZIONI DI RICICLAGGIO (PENALMENTE PERSEGUIBILI)
LEGGETE UN PO' QUESTA PERLA DI ARTICOLO SU DAGOSPIA E IL FATTO :
SBANCA ONLINE - LA FINANZA IRROMPE IN IW BANK, COSTOLA DI UBI BANCA (FORTINO DI BAZOLI): PERQUISIZIONI, MANAGER INDAGATI E L'ACCUSA DI AVER RICICLATO 16



MILIONI DI EURO - 104 MILA C/C MISTERIOSI: CODICI FISCALI TAROCCATI, DOCUMENTI SOSPETTI, INFORMAZIONI SBALLATE
Dopo aver investito, per lo più in operazioni in perdita, la Finanza scopre che i conti vengono spesso "svuotati", con altre operazioni che, il più delle volte, portano il denaro in altre banche. Istituti delle Isole Cayman o delle Bahamas, a fiscalità privilegiata. 11 indagati tra i dirigenti della banca online...
Su 144 mila conti online, accesi nella IW Bank, ben 104 mila non consentono di verificare l' esatta identità della clientela. Codici fiscali taroccati, documenti d'identità sospetti, informazioni sballate per migliaia e migliaia di conti. Se non bastasse, le restanti 40 mila posizioni, hanno un alto tasso di incompletezza. Come dire: non è per niente chiaro chi abbia operato, dal 2009 a oggi, sui conti online dell' importante sorella di Ubi Banca. Il dato più inquietante, però, arriva dalla Procura di Milano che, su 11 impiegati della banca online, indaga per riciclaggio e, situazione ancor peggiore, per auto -riciclaggio.
E così, ieri, il Nucleo speciale di polizia valutaria della Guardia di Finanza, s' è presentato in tre sedi di IW Bank con un mandato di perquisizione. E due, delle tre sedi in questioni, sono quelle in cui opera l' amministrazione di Ubi Banca, già oggetto, in questi anni, di indagini per riciclaggio che vedono indagato Giovanni Bazoli per ostacolo alla vigilanza. Questa volta, però, pm milanesi e fiamme gialle si sono occupate della creatura online, dopo la segnalazione dell' Uif di Bankitalia, che, nell' autunno 2013, registrava appunto la presenza di 104mila conti "oscuri".
Indagando, la Finanza scopre il riciclaggio di circa 16 milioni di euro, che, se l' accusa fosse provata, avviene in modalità imbarazzanti. Alcuni dei conti analizzati, infatti, sono alimentati da denaro che arriva da bonifici effettuati in Svizzera e Irlanda. Se non bastasse, sono intestati a società in "black list". Il punto, però, è l' utilizzo dei soldi. Milioni utilizzati per investimenti finanziari  che, spesso, finiscono in perdita. E per gli esperti del settore, è proprio questo elemento a rafforzare il sospetto che si tratti di riciclaggio.
Dopo aver investito, per lo più in operazioni in perdita, la Finanza scopre che i conti vengono spesso "svuotati", con altre operazioni che, il più delle volte, portano il denaro in altre banche. Istituti delle Isole Cayman o delle Bahamas, a fiscalità privilegiata. Eppure, di tutto questo, il personale di IW Bank addetto a segnalare le eventuali operazioni di riciclaggio, non s' è mai accorto.
È per questo che ci sono 11 indagati tra i dirigenti della banca online e ieri mattina sono scattate le perquisizioni. I finanzieri hanno setacciato la banca cercando tracce delle movimentazioni dei 16 milioni in questione. Milioni che, dopo il loro utilizzo in operazioni diTRADING ONLINE, sono ritornati a chi aveva acceso i conti, ma non nelle banche svizzere e irlandesi, come abbiamo già scritto, bensì in istituti di credito con sede alle Bahamas e alle Isole Cayman.
E l' indagine sembra davvero soltanto all' inizio, se consideriamo che, tra gli obiettivi delle perquisizioni, c' è anche quello di ricostruire i rapporti bancari che manifestano gravi irregolarità nella verifica della clientela. In sostanza, ben 104mila conti difficilmente identificabili, da oggi in poi, sono nel mirino della Procura di Milano e degli agenti del valutario, che ricostruiranno l' identità degli intestatari e verificheranno ulteriori ipotesi di riciclaggio.

Share/Bookmark

7 commenti:

Anonimo ha detto...

Paolo non ho capito il punto 3, in che modo ai spostano quei soldi dall'Italia all'estero? Grazie

Anonimo ha detto...

Stessa domanda, l'apertura del conto estero con che soldi lo fanno?

ML ha detto...

QUELLI SI TROVANO..e gli inquirenti magari li troveranno

Anonimo ha detto...

ora si spiega perché qualche mese fa hanno chiuso tutti i conti aziendali, non capivo il motivo

Anonimo ha detto...

mah, devi conoscere la direzione corretta del mercato altrimenti ti ritrovi a generare plusvalenze sul conto italiano e minus su quello estero, il contrario di quello che andava fatto

Anonimo ha detto...

O mio dio sono correntista iwbank ho paura per la soliditá dell istituito, rischio qualcosa? Mi dia una indicazione grazie

Anonimo ha detto...

Altre fonti, parlano 100mila operazioni sospette e poi bisogna vedere se si tratta della iwbank pre fusione o di ubi private pre fusione, perché l'indagine di banca d'Italia è del 2013, e iwbank nel 2014 aveva 139mila conti non so ubi private.......