UNA VOLTA NELLA VITA CAPITA LA GRANDE OCCASIONE! CARPE DIEM!


CORRIERE DI PANAMA EDIZIONE DI DICEMBRE : RECORD DI GIORNALISMO DI PESSIMA QUALITA'. IL CORRIERE DELLE OVVIETA' E DEGLI SPOT PUBBLICITARI. UNA VERA DELUSIONE

il Corriere di Panama e' stata una iniziativa bellissima e poteva veramente essere un punto di riferimento e di esempio per la comunita' italiana....invece la sua gestione sembra quella di un giornalino della comunita' ecclesiastica di un paesello di provincia condita con qualche idea politichese simil vecchia democrazia cristiana..
un mezzo Don Camillo e Peppone..a 10.000 chilometri di distanza..mentre in Italia e' in atto una trasformazione generazionale e a panama ci sono mille problemi e mille opportunita'...questo giornale  propone il festival delle OVVIETA' condito con quel mielismo catto comunista che è destinato a essere spazzato via per sempre.

io stesso intervistai le due giornaliste CARMELA LOMBARDO E CONSTANZA MINI all'inizio della loro avventura e le ho aiutate moltissimo facendo fare pubblicita' a molti amici a panama e in Italia...ma leggendo oggi l'edizione di dicembre...mi sono molto pentito..lo spirito che le animava e' stato sostituito da un giornalismo di bassissimo rango....direi demenziale...roba da GIORNALE DELLA NONNA....
IL CORRIERE DI PANAMA sta diventando uno strumento dannoso per gli italiani a panama stessi...che rimangono un po' ancorati a una italianita' vecchia superata e sopratutto perdente....
come quel soldato giapponese lasciato solo su un isola a presidiare il territorio durante la seconda guerra mondiale.....A GUERRA FINITA LUI PER ANNI HA CONTINUATO NEL SUO LAVORO PENSANDO DI ESSERE ANCORA IN GUERRA..
Hiroo Onoda è stato un militare giapponese, noto perché, dopo quasi 30 anni dalla fine della seconda guerra mondiale nel 1974, nella giungla sull'isola filippina di Lubang, venne arrestato perché si rifiutava di credere che la guerra fosse finita. 
ecco leggendo il CORRIERE DI PANAMA si rischia la stessa cosa..di finire come HIROO ONODA...mentre l'italia cambia e mentre a panama ci sono mille cose da discutere mille gruppi di lavoro da formare..la creazione di un a vera comunita' escludendo il gruppo di ITALIANI FALLITI A PANAMA....e dando spazio alle persone perbene, oneste e che hanno voglia di fare e di mettersi in gioco veramente senza sfruttare gli italiani che sbarcano a Panama city...
MA ANALIZZIAMO L'EDIZIONE DI DICEMBRE CHE POTETE SCARICARE QUA
CORRIERE DI PANAMA EDIZIONE DI DICEMBRE...MAI COSI' IN BASSO....
sono stupito..ho appena sfogliato il corriere di panama edizione di natale e sono rimasto scioccato dalla BASSA QUALITA' DEGLI ARTICOLI. MA ANDIAMO CON ORDINE:
PRIMA DI TUTTO UNA NOTA DI COLORE... E' SPARITA LA PUBBLICITA' DI UNO STUDIO LEGALE E FISCALE COINVOLTO IN UNO SCANDALO ENORME A LUGANO (come e' stato evidenziato da noi di mercato libero un mese fa......ma è stata mantenuta la pubblicita' con il loro studio satellite..una cosa all'italiana..insomma...)
1) SONO 24 PAGINE e BEN 10 DI QUESTE SONO PUBBLICITA' (troppe decisamente troppe)
2) articolo sull'inter...ma chi se ne frega a panama dell'inter..il solito populismo italiota
3) una pagina sui mercatini di natale in italia...che cavolo serve...siamo seri per favore...
4) un articolo sulla calvizie (assurdo...leggendolo mi sono intristito e non poco..di tanta inutilita')
5) un editoriale sul natale fra speranza e amore..mieloso e scritto malissimo..potevano evitarlo)
6) buon natale dall'ambasciata. messaggio giusto ma troppo risalto e con quello spirito istituzionale che ha fatto e sta facendo del male all'italia intera..e anche a panama.....mamma mia...
7) auguri dal comtes..questo potevano proprio risparmiarlo..un ente che brucia soldi nel mondo...e a panama...incredibile..
8) la piccola guida per trascorrere natale a panama. bella l'idea..ma la qualita' dell'articolo e' pietosamente ridicola e con troppe foto (denota che forse non sapevano cosa scrivere?)
9) un articolo sui parcheggi per i negozi a panama. (interessante ma neppure tanto..troppo tecnico e a chi interessa tutto sommato)
10) un articolo sul post expo milanese...di bassa lega...articolo senza capo ne coda pieno di sudicio statalismo...nessuna novita' che tristezza nel leggerlo..
11) una pagina interera di attualita' flash..notizie senza capo ne coda una per ogni giorno del mese di novembre (mitico il ricordo del terremoto di 35 anni fa) DIREI UNA PAGINA VUOTA...NEL SUO STESSO CONCEPIMENTO
12) ARTICOLO : LA MISSIONE DI UN PROFESSORE...è un articolo buttato li forse da un amante della scuola..ma senza motivo ne senza perche'...ennesimo spazio sprecato
13) per non parlare dell'articolo sulla notte di capodanno..ARTICOLO PIENO DI COSE OVVIE LETTE E STRALETTE..una non notizia per definizione..che delusione
14) articolo sulla scuola fermi...solo perche' i giornalisti mandano i figli a scuola li....tutto da ridere..io suggerirei altre scuole a panama per l'interesse dei figli stessi....pubblicizzarlo non e' intelligente ne smart ma solo lobbistico (magari i figli delle giornaliste verranno promossi con il massimo dei voti...)
15) un articolo sull'emigrante..MA CHE TRISTEZZA....Il vuoto assoluto siamo tornati al tempo delle valigie di cartone.....il solo fatto di chiamarli emigranti..e' da suicidio nel 2016...
16) articolo decente sulla blue economy e il convegno organizzato dalla ambasciata (a questo articolo diamo la sufficienza)
17) l'articolo sulle tradizioni natalizie panamensi: bella l'idea..i contenuti molto scarsi...di buon giornalismo neppure la traccia...veramente...
18) articolo marchetta sulla slow fashion..c'e' di peggio..ma nulla di rilevante..per un giornale mensile..potrebbero fare di meglio
19) l'articolo sull'inter è ridicolo ..degno dell'italiota medio
20) intervista a davide danisi. passiamola ....ma che fatica..
21) i cruciverba a prova di scemo sono poi veramente di dubbio gusto.
la domanda piu' difficile: CHI PORTA I REGALI A NATALE....pazzescooooooo
TIRANDO LE SOMME ...IL CORRIERE DI PANAMA SI E' DECISAMENTE PERSO.....FRA IL CALDO UMIDO DI UNA CITTA' CHE STA VIVENDO L'INFERNO DI VARELA ...DOPO IL PARADISO DELLA CRESCITA INFINITA DI MARTINELLI.
Panama va bene solo per coloro che sono ricchi e che vogliono proteggere il patrimonio...per gli altri...beh ci sarebbero cose da fare..ma spesso la qualita' di chi arriva a panama non e' all'altezza..e finisce per fare lavori senza infamia ne lode..proprio come questo CORRIERE DI PANAMA edizione nataliza.
un augurio che il team si rinnovi e sia capace di fare un giornale come panama e gli italiani a panama meriterebbero....altrimenti una vera tristezza ....


Share/Bookmark

8 commenti:

Anonimo ha detto...

Ciao Paolo ma abbi pazienza ma chi se ne frega del corriere di Panama....

Anonimo ha detto...

Secondo me ti sei incazzato xche' sei milanista .:-) :-) :-)
Bon dia.

ML ha detto...

era solo che ne avevo parlato bene....e ora......devo prenderne le distanze

Anonimo ha detto...

Scusi Dottor Barrai, nessun commento sui mercati post Draghi? Eusebio

Anonimo ha detto...

ok capito ma sentite questa
«È necessario che l’Occidente rompa il silenzio – esorta Tajani-. Vivere in democrazie laiche non vuol dire escludere le religioni dalla società. L’Europa deve farsi promotrice di un modello di società da contrapporre al radicalismo religioso e a progetti brutali e criminali, come quello di creare un califfato islamico in Iraq e Siria che estenda poi i suoi tentacoli fino alla Libia». Tajani ricorda a questo punto le radici giudaico-cristiane dell’identità comune europea. «Ci dobbiamo scuotere – concorda il presidente del Parlamento europeo, Martin Schulz- perché anche nel nostro continente i cristiani non sono sicuri. Ma l’oppressione ha luogo fuori dall’Europa, e quindi c’è poca consapevolezza». Schulz garantisce che per arginare il fenomeno «il Parlamento europeo, nei limiti del possibile, farà tutto il possibile». Perché «il dialogo sulla base del rispetto reciproco è la base della nostra collaborazione».
http://www.losai.eu/la-crociata-anti-cristiana-bruciate-e-distrutte-200-chiese-al-mese/?utm_medium=referral&utm_source=pulsenews

Anonimo ha detto...

hanno il loro business con la pubblicità

Anonimo ha detto...

Comunque è un opera impossibile/rara riuscire a fare buon giornalismo con profitto. La crisi della carta non da scampo...

Teodoro ha detto...

Un uomo è un uomo quando sa fare marcia indietro. Buon Natale prof.