L'ITALIA RIPARTE SOLO ATTIRANDO I RICCHI E I BRAVI E CACCIANDO I POVERI E INCAPACI


MMM FUGGI FUGGI DELLE CASSE PREVIDENZIALI! SONO PERSONE SERIE...MERCATO LIBERO METTERA' ALLA BERLINA LE CASSE CHE ADERIRANNO E OVVIMANETE IL NOME DEI LORO AMMINIOSTRATORI

 L'ADEPP FA RETROMARCIA: NESSUN SOLDO AD ATLANTE DA PARTE DELLA ASSOCIAZIONE DELGI ENTI PREVIDENZIALI PRIVATI (ALBERTO OLIVETI SI SALVA AL NOVANTESIMO...SOTTO LA PRESSIONE DELLE PERSONE PERBENE..E IL GOVERNO SI RITROVA NELLA MERDA.....
 
Le casse di previdenza non vedono possibilità di redditività nell'investire nel fondo Atlante, se questo comprerà al 33% del nominale le sofferenze del Monte dei Paschi di Siena.
Lo spiega in una intervista a Reuters il presidente dell'associazione degli enti, Adepp, che già prima che si conoscessero le condizioni del piano di ristrutturazione della banca senese, avevano deliberato nell'assemblea associativa quali fossero i confini del loro possibile intervento.
"I miei tecnici mi dicono che al 33% non c'è possibilità di redditività", dice Alberto Oliveti.
"Non vogliamo fare i falchi ma neanche i tordi", aggiunge.
Mps ha varato in extremis un piano, approvato da Ue e Bce, che prevede la cessione di 27 miliardi di sofferenze lorde, a un valore del 33%, liberando i bilanci di Siena del maggiore ostacolo alla redditività. Questa operazione vede Atlante comprare la tranche mezzanina per 1,6 miliardi, per cui il fondo sta cercando risorse aggiuntive al 1,7 che ha ancora a disposizione. L'operazione determinerà per Siena la necessità di un aumento da 5 miliardi di euro.
La questione è che le casse svolgono un ruolo di rango costituzionale, raccogliendo dagli iscritti - medici, liberi professionisti, commercialisti, giornalisti - i contributi obbligatori per il primo pilastro previdenziale.
"Come Casse previdenziali abbiamo quasi 80 miliardi, che però non sono risparmi ma i contributi obbligatori per la pensione. Dobbiamo avere una legittima e ragionevole aspettativa di redditività", spiega il presidente dell'Adepp che è medico e presidente dell'Enpam, ente di categoria di medici e odontoiatri.


I BRAVI E GLI ONESTI!

-Il Consiglio di amministrazione di Inarcassa (Ente di previdenza di ingegneri e architetti) "ha deliberato all'unanimità la non partecipazione al nuovo fondo di investimento denominato Atlante2" per il salvataggio bancario. Lo fa sapere la stessa Cassa pensionistica presieduta da Giuseppe Santoro, spiegando che l'iniziativa (che la maggioranza degli Enti aderenti all'Adepp ha deciso di appoggiare, lo scorso 25 luglio, ndr), "dopo aver confrontato l'asset allocation e le procedure interne relative alle politiche finanziarie", è stata valutata "non adeguata ai criteri di prudenzialità" e "non in linea con i parametri d'investimento applicati" da Inarcassa. Il Cda, prosegue la nota, ha ribadito l'impegno "ad investire nell'economia reale, a condizione che rischi e rendimenti siano in linea con le aspettative di crescita di un patrimonio che deve garantire il futuro previdenziale degli architetti e ingegneri liberi professionisti".

DICHIARAZIONI GRAVISSIME DA PARTE DI GIUSEPPE SANTORO...OPERAZIONE ATLANTE 2 NON ADEGUATA AI CRITERI DI PRUDENZIALITA'

-EPAP NON ADERISCE

- ENPAM - CASSA MEDICI  NON DOVREBBE ADERIRE

-veterinari (Enpav)  orientati a non aderire
- dottori commercialisti (Cnpadc) orientati a non aderire

Share/Bookmark

7 commenti:

Anonimo ha detto...

ho mandato al presidente le tue riflessioni attendo sua risposta....poi ti so dire...

Anonimo ha detto...

A questo punto prenderanno quelli dei pecoroni italioti....e dei fondi pensioni privati tipo poste vita e varie.....se dico una minghiata non mi cazziare....sei sempre il migliore

Anonimo ha detto...

L'avevo detto che la vedevo remota che le Casse partecipassero in blocco a questo Atlante 2, al momento sembrano vincere i tecnici..Eforo

Anonimo ha detto...

Pare tutta na' pagliacciata.

Anonimo ha detto...

allora chi aderisce? nessuno?

Anonimo ha detto...

Su 5 mld non sono 500 mln il problema...

Anonimo ha detto...

che dici di enasarco?
Mauro