L'ITALIA RIPARTE SOLO ATTIRANDO I RICCHI E I BRAVI E CACCIANDO I POVERI E INCAPACI


ATTENZIONE ALLE BANCHE ITALIANE - POSSIBILE RADDOPPIO QUOTAZIONI A 12 MESI

IN QUESTI GIORN I VI PROPONGO ANALISI DI POSSIBILI RADDOPI DI QUOTAZIONE DEI BANCARI ACCANTO ALL'ALTRA FACCIA DELLA MEDAGLIA IN MODO CHE POSSIATE PONDERARE LE SCELTE DI INVESTIMENTO .
SCELTE CHE NOI EFFETTUIAMO POI SU WMO , I NOSTRI PORTAFOGLI IN ABBONAMENTO.
PER INFO: MERCATILIBERI@GMAIL.COM
COSTO ABBONAMENTO ANNUO 1500 EURO.

QUESTA ANALISI E' MOLTO IMPORTANTE, AL MOMENTO ABBIAMO SOLO LE CONCLUSIONI CHE PROBABILMENTE SI BASANO TUTTE SULL'INVESTIMENTO DA PARTE DI ATLANTE 2 IN MEZZANINI (ovvero bond rischiosi)
e' evidete e matematico che se con 1,7 miliardi compri 27 miliardi di roba..con 5,5 ne compri quasi il doppio. Il problema è capire se si trovano 3,5 miliardi e se tutto fila liscio con MPS 
DICIAMO CHE ANCHE UN BAMBINO POTEVA SCRIVERE L'OVVIETA' DI IMI. MA SE LO SCRIVEVO IO NON CONTAVA UN CAZZO SE LO SCRIVE IMI.....E' TUTTA UNA MUSICA DIFFERENTE. .....QUESTE ANALISI COMINCIANO A RIEMPIRE LE SCRIVANIE DI ANALISTI DI FONDI HEDGE...TRANQUILLI....TRANQUILLI
MPS sulle forti discese è interessante sempre con l'idea di sottoscrivere poi l'aumento di capitale, e quindi per un decimo del valore di cui si e' disposti a investire
In un'analisi Banca Imi calcola che se Atlante 2 riuscisse ad ottenere la raccolta programmata, potrebbe avere la possibilità di intervenire in cartolarizzazioni per un importo compreso tra 37 e 56 miliardi di Npl lordi, ben al di sopra dell'impegno preso per Banca Mps  (cioè 27 miliardi di crediti deteriorati).
L'obiettivo è arrivare tra i 3 e i 3,5 mld di raccolta entro il termine ultimo per la sottoscrizione fissato dal regolamento al 31 luglio 2017.
Alla data di oggi il Fondo Atlante II ha superato la dimensione minima degli impegni formali prevista dal Regolamento per l'avvio dell'attività, raccogliendo adesioni per un importo pari a 1,715 miliardi da diverse istituzioni finanziarie italiane.
Il primo closing è previsto per la fine di settembre 2016 e per quella data si prevedono impegni tra 2,5 mld e 3 mld.

Share/Bookmark

14 commenti:

Anonimo ha detto...

TEMPI......

Francesco ha detto...

Sono d'accordo con te, la soluzione del caso mps e più in generale degli npl può favorire un veloce repricing del settore! Su mps però le incertezze legate all'adc spaventano ancora... è immaginabile seconde te che la capitalizzazione salga con l'avvicinarsi dell'adc oppure è più probabile che scenda sui 500 ?

Anonimo ha detto...

Dott Barrai, ma perchè devo investire ora un decimo di quello che prevedo di investire durante l'aumento di capitale?

brianza verde ha detto...

Si puoò sempre sbagliare è la prima regola d'oro del trading
Un tuo post del 28 Giugno indicava
DAX a 8750
US 500 a 1920
DOWN a 16200
NIKKEY a 14500
livelli che sicuramente vedremo probabilmente nella prossima imminente correzione ma dai quali oggi siamo ben lontani
nel trading non ci sono certezze se non lo impari in fretta sono dolori
buone vacanze

Anonimo ha detto...

Solo chi è trading dipendente punterebbe ancora sul sistema bancario italiano... Mia personale condiderazione.

Anonimo ha detto...

Anche io non ho capito come investire in mps, saluti ragioniere

Anonimo ha detto...

ma correzione di che se e piu di un anno che si scende!

Anonimo ha detto...

va bene "tentare" ... ma la logica non porterebbe alle tue conclusioni ( almeno per qualche piccolo mese ), perchè se è pur vero il ragionamento che fai su Atlante2 ( ...se con 1,7 .. con 5,5 ne compri almeno il doppio ), è altrettanto vero che significa ... CHE VA A LEVA ! e se quindi l'investimento di Atlante2 è cacca ... come hai detto in altra parte, chi ci ha messo i soldi vedi Unicredit ISP o UNIPOL .. ci sta lavorando non per l'importo versato, MA A LEVA !!! e quindi su quelle banche ciò che entra dalla porta esce con gli interessi dalla finestra !!

Anonimo ha detto...

Anonimo delle 13,38 .... ma come cavolo fai a dire che quello di MPS un caso LIMITE , può funzionare da repricing sul settore ! Ma ti rendi conto che Atlante2 ha raccolto 1,7 miliardi e non 50 !!! e se li ha raccolti, è stato solo per imposizione governativa ........
E' un pò come dire che l'Inter siccome aveva vinto 5 partite, avrebbe finito il campionato a punteggio pieno .....

Anonimo ha detto...

Quello che non capisco e' quale sia la convenienza degli attuali azionisti di MPS ad effettuare un aumento di capitale di 5 miliardi a questi prezzi...quindi o la soluzione proposta da Viola va in porto, il titolo sale e semmai approvano un ADC di importo anche minore di 5 miliardi a prezzi piu' alti in modo da non essere diluiti eccessivamente o altrimenti solo il bail in potra'salvare la Banca perche'non credo che gli attuali soci approvino un ADC a condizioni super diluitive.

Francesco ha detto...

Sarà pure una imposizione governativa ma per la prima volta si sta tentando una soluzione di sistema che auspico anche in altri settori... quando lo fanno altri paesi li eligiamo se lo facciamo noi subito a criticare... che c'entra poi il repricing con l'esempio che fai dell'Inter? Il repricing ci può stare anche senza che la situazione di fondo cambi radicalmente... è un eccesso di pessimismo che rientra...

Anonimo ha detto...

Storicamente il bottom e' sempre piu in basso di quello che pensano i buoi. E chiaramente riparte all insu prima di quelli che aspettano bottom da terza guerra mondiale. In medium stat res. Qualche titolo ha gia toccato minimi che non rivedremo prima di due anni...

AlbertoSI ha detto...

A proposito di banche... Nell'ultimo post di Benetazzo si parla di uno scenario suggerito dal FMI circa una possibile nuova tassa sui depositi che andrebbe ad alimentare il fondo salva banche... Che ne pensi? Lo ritieni probabile e se si con quali implicazioni?
Grazie Alberto
Ecco la parte saliente del post...

Proprio a Bruxelles si apre un possibile scenario ossia il fatto che a livello sovranazionale venga istituito il Fondo Salva Banche non solo per aiutare quelle italiane ma anche per alcune tedesche il cui outlook è tutt’altro che confortante. Il bail-in ormai lo abbiamo compreso non può essere applicato in modalità sistemica, ma solo sporadica e saltuaria, nel senso che questo meccanismo di risoluzione per crisi bancarie trova fondamento qualora vi sia un singolo istituto in difficoltà e non l’intera platea degli attori bancari. A questo punto è sempre più possibile e giustificabile l’istituzione di una imposta ad-hoc sui depositi (di qualunque entità) per la creazione ed alimentazione di un super fondo di salvataggio bancario. Casualmente il FMI ne aveva parlato circa 18 mesi fa. Ad esempio in Italia con una disponibilità di depositi bancari stimata a oltre i 2.3 trilioni si potrebbe istituire un prelievo coatto pari al 3% su tutte le giacenza (pertanto anche chi avesse poche decine di euro sul conto verrebbe colpito). In questo mondo si potrebbe dar vinta ad un super fondo di salvataggio con una dotazione di almeno 75 miliardi da utilizzare per la sottoscrizione di mega aumenti di capitale in tutte le grandi banche di interesse nazionale, che in questo modo avrebbero come azionista di riferimento proprio questo fondo a controllo pubblico.

Anonimo ha detto...

Certo Alberto, il 3% di prelievo, poi iniziano a sparare per strada :-)))))))