L'ITALIA RIPARTE SOLO ATTIRANDO I RICCHI E I BRAVI E CACCIANDO I POVERI E INCAPACI


BCC IN FALLIMENTO: E DOPO CARI ITALOPITECHI NON DIRETE CHE NON LA SAPEVATE...(COME AVETE FATTO PER POPOLARE VICENZA E VENETO BANCA)

Nota di mercato
Quasi +2% la borsa giapponese ( che ieri era chiusa) Grazie anche a uno yen piu' debole. Petrolio rimane forte ....del resto l'inflazione che gli usa vogliono a tutti i costi....la devono creare (così come hanno creato deflazione con prezzi bassi prima) . Oro e sopratutto argento salgono....
Il dollaro rimane debole e  continuano ad attirare i capitali i mercati emergenti capitanati dal rublo.
In Italia ci piace finmeccanica e telecom risparmio (che paga anche un buon dividendo....che deve essere considerato...quando dopo giugno si ipotizzi  la cancellazione delle azioni di risparmio con un premio compreso fra 15 e 20 centesimi.
Le banche rimangono interessanti...da seguire il BANCO POPOLARE E il suo aumento di capitale....

MA PASSIAMO ALLE BCC...E AL CONTINUO ATTACCO DI BANKIT  CHE LE DEVE RIDURRE SU MANDATO BCE.
Su oltre 300 sono circa 50 le Bcc a RISCHIO BAIL IN nel settore del credito cooperativo.  il rischio che per "un numero non marginale" di banche possano AVERE  tensioni finanziarie E' DECISAMENTE ALTO
. L'avvertimento arriva dal capo della vigilanza di Banca d'Italia, Carmelo Barbagallo, secondo il quale "la componente più fragile del settore è individuabile nelle Bcc che presentano contemporaneamente coefficienti di capitale più bassi e tassi di copertura inferiori a quelli medi del sistema bancario nazionale".
IL BUON MAZZALAI OVVIAMENTE NEGHERA' L'EVIDENZA CON OTTIMI GRAFICI CHE ATTENDIAMO..MA CHI SE NE FREGA DEI SUOI GRAFICI..QUANDO DI MEZZO CI SONO I RISPARMI DI UNA VITA...
E POI..PERCHE' ANDARE IN UN'ALTRA BANCA ITALIANA COME MEDIOLANUM O FIDEURAM O BANCA GENERALI...E' IL SISTEMA ITALIA CHE SPESSO VACILLA....E SE SALTA L'ITALIA ..SALTA L'EURO..E ADDIO BANCHE ...E ADDIO RISPARMI.
In base ai primi dati riferiti a dicembre 2015, le Bcc in tale condizione erano circa 50 SU 300.
Lo scorso dicembre, ha ricordato Barbagallo, gli impieghi delle Bcc risultavano pari a circa 134 miliardi, più bassi di oltre il 2% rispetto ai livelli di fine 2012. Gli indicatori del credito hanno nel contempo subito un progressivo e marcato peggioramento. A giugno scorso i crediti deteriorati netti e le sofferenze nette hanno raggiunto, rispettivamente, il 12,9% e il 5% dei finanziamenti, con una crescita significativa rispetto ai dati di fine 2012, quando erano pari al 10,5% e al 3,3%.

In tale contesto, "aumenta la probabilità che un numero non marginale di Bcc vada incontro a tensioni a causa della difficoltà di alimentare il patrimonio nella misura e con la rapidità imposti dal contesto regolamentare, istituzionale e di mercato", ha messo in guardia Barbagallo .

Share/Bookmark

5 commenti:

Anonimo ha detto...

Paolo non dire così io sono con la bcc cassa padana ed è la banca con i conti più solidi di banca intesa

Anonimo ha detto...


Paolo il sistema BCC è sano.
(a parte alcune bcc un po'in crisi)

Saluti.

Salvo Ripensamenti

Anonimo ha detto...

Pensa dove lavora Mazzalai...proprio alla Bcc...quella messa male..è un tuo amico Paolo ??

Anonimo ha detto...

Il crollo delle generali..titolo simbolo dei cassettisti...ora cioccolato svizzero.
Generali Deutsche Bank Hold = 16.00 (18.00)

Anonimo ha detto...

Appunto se salta il sistema