L'ITALIA RIPARTE SOLO ATTIRANDO I RICCHI E I BRAVI E CACCIANDO I POVERI E INCAPACI


IN AMERICA I TASSI DI INTERESSE SCENDONO E LA BORSA SALE AI MASSIMI DA 7 SETTIMANE


http://930e888ea91284a71b0e-62c980cafddf9881bf167fdfb702406c.r96.cf1.rackcdn.com/data/tvc_7f9791a202d611f125395e02c1dd5ad1.png
 si possono commettere errori?
ovviamente si...
i mercati sono sicuramente davanti a 20 giorni particolarmente intensi dove i regolatori cercheranno di riportare fiducia nel sistema e la speculazione dovra' chiudere le sue operazioni al ribasso entro il 18 marzo.
buoni e cattivi si scontreranno..con la bce e la fed che rischiano di far ricomprare il mercato sulla base di ASPETTATIVE che potrebbero essere malriposte..o, in alternativa...il mercato potrebbe semplicemente anticipare le decisioni delle banche centrali..e ricominciare a scendere dopo il 20 marzo..
Il mercato azionario usa del resto ha gia' recuperato le quotazioni di inizio hanno (manca un 3%) e si conferma il miglio mercato azionario al mondo....L'europa e il giappone sono ancora molto lontane..e se continua questo ottimismo....la risalita' degli indici ..invece di farla dal 7 marzo ..potrebbe anche essere anticipata...e quindi la discesa successiva spostata a cavallo della liquidazione di marzo..
saranno 20 giorni  senza risparmio di colpi dove sbagliare non sara' un dramma ..questa e' solo una delle battaglie nella guerra della recessione
Ieri i tassi americani hanno continuato a scendere ai minimi di periodo (sotto 1,7%) mentre a inizio anno erano a 2,30%. Nello stesso tampo il Dow jones ha chiuso ai massimi da sette settimane..in pratica a soli 430 punti dai massimi dell'anno....(circa un 3% in meno)
IN AMERICA STANNO SCONTANDO LE POLITICHE ESPANSIVE DELLE BANCHE CENTRALI ..COME STA ACCADENDO IN EUROPA DOVE I TASSI TEDESCHI SUL DECENNALE SONO SCESI A ZERO......PUNTANDO TUTTO SULLE DECISIONI DI DRAGHI DEL 10 MARZO.
MENTRE LA GERMANIA PUNTA I PIEDI ..PROPRIO SUGLI STIMOLI MONETARI....E LO FA AL G20.
Nel frattempo, proprio ieri Lockart conferma che la Fed non alzera' i tassi e che il tutto verra' confermato durante la riunione del 16 marzo (mercoledi) 
QUINDI AVREMO:
10 MARZO DRAGHI
16 MARZO FED
18 MARZO SCADENZE TECNICHE SUI MERCATI CON IN SCADENZA DERIVATI PER MIGLIAIA DI MILIARDI IN TUTTO IL MONDO NEL TRIMESTRE PIU' VOLATILE DEGLI ULTIMI ANNI

UN TOUR DE FORCE MOLTO IMPORTANTE..MENTRE LE ECONOMIE DI MEZZO MONDO FANNO FATICA A CRESCERE..


Federal Reserve Bank of Atlanta President Dennis Lockhart said rising U.S. interest rates could undermine bank profits while their exposure to commercial real-estate also remains a risk.
“For the first time in more than a decade, bankers face the potential of operating in a rising rate environment,” Lockhart said in remarks at a banking conference in Atlanta on Thursday. “Rising rates will create challenges in managing net interest margins and risks.”
The rate-setting Federal Open Market Committee is balancing concern over market turmoil and slowing economies globally with indications that U.S. inflation may be picking up. The median projection of FOMC members submitted at the December meeting called for four additional quarter-point increases in 2016.
Policy makers will deliver fresh forecasts when they next meet March 15-16 in Washington. Officials held their target for the benchmark fed funds rates at 0.25-0.5 percent at their January meeting, after increasing it in December for the first time in almost a decade.
The FOMC will be “data dependent” in weighing when to raise rates again, “assessing economic and financial conditions as they evolve,” Lockhart said. Low energy prices and concerns about China “have added new complexity” to assessing the U.S. outlook, he said.

Share/Bookmark

10 commenti:

Anonimo ha detto...

Buongiorno Paolo. Scusa ma non ho capito... lo scenario short da te riproposto ieri sera a partire da questo pomeriggio è ancora valido o no? Te lo chiedo per fare chiarezza tra i tanti articoli postati da te in queste ore. Grazie, Filippo

Anonimo ha detto...

Ml no non hai sbagliato. L America sale perché sta espandendo il debito all' infinito,emergendo soldi alla economia reale. Nonostante questo fanno fatica a crescere tanto è che hanno stoppato il rialzo tassi.Ma un giorno qualcuno si sveglierà e quel debito peserà così tanto da portarli a fondo. Già perché oggi è già inestinguibile.Marco,Lecco.

Anonimo ha detto...

MA CHI SONO I BUONI? SAREBBERO LE BANCHE CENTRALI CHE TENGONO SU UN CASTELLO DI CARTA A SPESE NOSTRE???

Anonimo ha detto...

Dottore quindi da lunedì prossimo non si scende più???
Abbiamo perso il treno...aveva proprio ragione Fugnoli...
Massimo S.

ML ha detto...

ho risposto..se il mercato dovesse continuare a salire avrei perso una battaglia....!!!

Anonimo ha detto...

Dati pil USA superiori alle attese!

Anonimo ha detto...

Buongiorno Paolo,
ammettere di aver commesso un errore (per ora), non e' da molti.
Complimenti per la tua sincerita'anche se credo che alla fine avrai ragione tu....come sempre.

Berni ha detto...

Salve effettivamente lo scenario di
Breve sembra cambiato a favore del long

Berni ha detto...

In effetti sembra uno scenario long
Per qualche settimana

marco toscano ha detto...

Sono pochi nei mercati ad ammettere di perdere!!! L'importante è cercare di perdere il meno possibile. Comunque occhio lo scenario per me non è long, al + è flat almeno fino a che non rompe 18500!!!
ci sono 2 gap da chiudere uno short 16510 e uno lassu' a 21396 chissà quale chiude prima per me 16510. Io sono tra i sostenitori del doppio minimo se l'america non ci aveva tirato lo avevamo già raggiunto. Ciao a tutti.